×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Sassari, la nostra città è differente!

Categoria: Politica Pubblicato: 13 Aprile 2014

Chi ha amministrato Sassari negli ultimi decenni non ha saputo valorizzare nessuna delle risorse naturali, economiche, artistiche e culturali presenti non solo in città ma anche nel vastissimo territorio comunale.

Grande distribuzione, gioco d’azzardo, degrado urbano, abbandono dell’agro e clientelismo politico stanno uccidendo la nostra città.
Dobbiamo agire subito con un moto d’orgoglio, altrimenti l’agonia diventerà inarrestabile!

Alle prossime elezioni si presenteranno i soliti due schieramenti che in questi anni si sono rimbalzati la palla per dare concessioni ai supermercati e megamercati, lasciare morire l’economia del centro città, abbandonare l’agro senza promuovere alcuna politica di collegamento tra la città con il resto del territorio comunale, ignorare e cancellare la nostra storia, la nostra cultura e sacrificare le periferie e le borgate a sobborghi-dormitorio privi di servizi e spazi sociali.

Nessuna di queste persone, a prescindere da come si travesta, ha diritto di parlare di “cambiamento”, in particolare chi ha svolto ruoli di amministrazione nelle ultime giunte e non se ne è mai dissociato!

Gli indipendentisti in questi anni hanno promosso diverse iniziative e animato un forte dibattito politico, economico, sociale e culturale. Abbiamo promosso il polo agroalimentare della Nurra, contro l’abbandono della campagna e la rivalorizzazione dei saperi artigiani e contadini. Abbiamo denunciato il proliferare della grande distribuzione organizzata che supera i livelli di guardia diventando una vera e propria diseconomia estranea che ci toglie sovranità alimentare, svuota i nostri quartieri a beneficio di una così detta zona industriale anonima e finalizzata al consumismo, drena imponenti risorse economiche verso le casse di multinazionali che non reinvestono i loro guadagni ne in città ne in Sardegna e che sfruttano i lavoratori facendoli lavorare come schiavi e obbligandoli a prestare servizio anche nei giorni festivi, pasqua e capodanno inclusi.

Gli indipendentisti hanno fatto cultura rivalorizzando il centro città con decine di manifestazioni culturali, convegni, seminari, serate musicali e tutto senza mai chiedere un centesimo al Comune.

Gli indipendentisti sono riusciti, pur non avendo alcun consigliere comunale, a far passare una delibera comunale per arginare la piaga della dipendenza dalle macchinette mangiasoldi (slot-machine) che sarà nostra cura fare rispettare in tutte le sue parti, vale a dire in maniera integrale perché non venga lasciata marcire in un cassetto.

Ora è arrivato il momento di entrare in Comune per restituire alla nostra città la dignità e la serietà che la classe politica colonialista le ha tolto.

Chiediamo a tutti i cittadini sassaresi di sostenerci nella costruzione di una lista per le elezioni comunali. Per questo motivo abbiamo organizzato una riunione aperta a tutti dove decideremo insieme i punti forti del programma, la composizione della lista e il candidato sindaco.

La riunione sarà pubblica, aperta a tutti e tutti avranno diritto di parola e di voto sulla scelta del programma, della lista e del sindaco.

Come funzionerà l’assemblea:

1. Programma: Una delegazione di attivisti del Fronte presenterà alcuni punti del programma che abbiamo nel tempo individuato come strategici. A questo punto saranno raccolti tutti i suggerimenti, le obiezioni, le integrazioni ed eventuali punti da inserire nel programma.

2. Lista: chiunque sia d’accordo con il programma può proporre la sua candidatura in lista. Chiunque può proporre la sua candidatura, anche se non attivista del Fronte.

3. Sindaco: a questo punto l’assemblea individuerà le persone più adatte a presentare il programma alle elezioni comunali come candidato sindaco. I candidati sindaci che accetteranno faranno un intervento per spiegare le ragioni che li hanno spinti a volersi proporre come candidati del Fronte e a quel punto si svolgeranno le votazioni. Chiunque può proporre la sua candidatura, anche se non attivista del Fronte.

Sassari,
giovedì 17 ore 18:30
Piazza Tola, nella trattoria “Fratelli Tola”

A Seguire Apericena sempre nei locali della trattoria
_______________

Sassari, la nostra città è differente!

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

Utente