×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Invito aperto al movimento indipendentista per una massiccia partecipazione ai lavoro dell’Assemblea Generale Sarda Contro l’Occupazione Militare

Categoria: Comunicati

 

 

Invito aperto al movimento indipendentista per una massiccia partecipazione ai lavoro dell’Assemblea Generale Sarda Contro l’Occupazione Militare

Il Fronte Indipendentista Unidu ha da subito accolto l’invito del Comitato Studentesco Contro l’Occupazione Militare a costruire un percorso di rilancio della lotta contro la massiccia presenza militare straniera sulla nostra terra.

Riteniamo positiva la proposta di fare ripartire il dibattito in maniera democratica e paritaria e soprattutto l’idea di andare paese per paese, comunità per comunità a spiegare le nostre ragione e a decostruire la narrazione secondo cui le basi e i poligoni militari portano lavoro e altri benefici alla società sarda.

Per questo abbiamo partecipato fin dal principio contribuendo con le nostre forze ad organizzare incontri di preparazione alla grande assemblea nazionale tenutasi – non a caso – il 2 giugno a Bauladu, vale a dire il giono in cui lo stato italiano sfoggia tutto il suo apparate militare, sciovinista e colonialista.

A Bauladu abbiamo trovato un clima sereno e collaborativo e abbiamo capito che era necessario il massimo impegno degli indipendentisti perché la lotta non si appiattisse su generici contenuti pacifisti e antimilitaristi ma assumesse anche un valore aggiunto preziosissimo per la nostra terra: costruire un ampio movimento di massa contro una delle facce più devastanti e opprimenti dell’occupazione colonialista della nostra terra, ovvero la trasfromazione della nostra patria in portaerei della NATO e della Repubblica italiana!

Abbiamo dato la nostra adesione ufficiale, abbiamo avanzato le nostre proposte e ora stiamo lavorando nei gruppi di lavoro che si sono formati in vista del campeggio AFORASCAMP che si terrà nel bellissimo bosco di Selene a Lanusei dal 7 all’11 settembre.

In questi giorni stiamo contribuendo attivamente con tutte le nostre forze a diffondere la campagna muraria plurilingue (inglese, sardo, gallurese e italiano) con cui vogliamo informare cittadini sardi, emigrati di ritorno per le ferie estive e turisti sulla mobilitazione in atto.

Il lavoro sta procedendo speditamente ma riteniamo necessario che l’indipendentismo – organizzato o meno – dia un contributo ancora maggiore.

Soltanto partecipando, avanzando proposte in maniera democratica e orizzontale è possibile fare nascere un movimento di liberazione dall’occupazione militare e dalla guerra, che sicuramente ad oggi rappresenta uno dei pilastri della lotta di liberazione del nostro paese.

Ci rivolgiamo dunque a tutti gli indipendentisti sardi (alle organizzazioni così come ai singoli) perché in questi giorni partecipino agli attacchinaggi della campagna muraria, ai gruppi di lavoro, alla distribuzione di materiale informativo in vista del campeggio. Soltanto così potremmo arrivare preparati per la vigorosa ripresa della mobilitazione contro poligoni ed esercitazioni militare in autunno.

Riconoscere la condizione di “occupazione militare” della nostra terra e costruire un grande movimento di massa, è la prima condizione necessaria perché si costruisca un movimento di liberazione nazionale capace di toccare anche altri punti di vitale importanza.

Ci aspettiamo dunque la collaborazione generosa e attiva di tutti voi!

Pesa-Sardigna-500x300-px-web

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

Utente