×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

NO ALL’APERTURA H 24 DEI SUPERMERCATI

Categoria: Comunicati

500x300-NO-GDO-24H-SITO-px

NO ALL'APERTURA H 24 DEI SUPERMERCATI

Il megamercato "Le Vele" Carrefour di Quartu S. Elena dal 4 luglio aprirà 24 ore su 24. Anche se la cosa è in via sperimentale è chiara la tendenza alla creazione dell'azienda totale dell'agroalimentare anche in Sardegna.

Tutto incominciò con il Governo Monti (sostenuto dal centrosinistra) che con la controriforma "Salva Italia" venne liberalizzata totalmente la possibilità di apertura dei megamercati, 24 ore giornalieri, 365 giorni l'anno, mentre prima la competenza era nelle mani di Comuni e Regioni.

Dopo aver sperimentato la cosa in continente la catene di megamercati Carrefour vuole portare anche in Sardegna questa insana pratica contraria ai diritti dei lavoratori e di concorrenza sleale alla distrubizione di prodotti sardi nei mercati civici e rionali.

Siamo davanti all'azienda totale!

I megamercati sono già oggi la causa della dipendenza della Sardegna in materia agroalimentare (importiamo circa l'80% dei prodotti). Le concessioni facili distribuite da amministratori compiacenti, l'apertura 24 ore su 24 e 365 l'anno certo non aiuta la ripresa del settore e la riconquiesta del mercato interno da parte dei produttori sardi.

I lavoratori inoltre, con la scusa della crisi e dell'ampia concorrenza e al ricatto occupazionale, sono soggetti a sempre peggiori condizioni contrattuali e sfruttamento intensivo e spesso sono vittime di mobbing e devono cedere ad un turnismo massacrante che con tali aperture è destinato a peggiorare sempre di più.

Cosa chiediamo:

  • - La stesura di una le legge regionale per la compatibilità antropica, culturale ed economica della media e grande distribuzione (valutazione d'impatto socio-economico, in linea con la Delibera della Giunta Regionale n. 55/108, del 29/12/2000, per la concessione di licenze per l'apertura di centri di media e grande distribuzione) che preveda la sospensione immediata delle nuove licenze ai centri della media e grande distribuzione;
  • - Obbligo di residenza fiscale per i centri della media e grande distribuzione esistenti.
  • - Creazione da parte dell'Assessorato regionale al Lavoro di uno sportello anonimo antimobbing
  • - Ripristino della competenza comunale per l'apertura nei giorni festivi.

Invitiamo tutte le organizzazioni politiche, sindacali e sociali che hanno a cuore i diritti dei lavoratori e la difesa e la valorizzazione del comparto agroalimentare sardo a costruire partitariamente una mobilitazione per dire no all'apertura continua di supermercati e megamercati nella nostra terra!

 

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

Utente