×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

SULLE ODIOSE E RAZZISTE DICHIARAZIONI DEL PROCURATORE SAIEVA

Categoria: Comunicati

SULLE ODIOSE E RAZZISTE DICHIARAZIONI DEL PROCURATORE SAIEVA: EGLI È SOLO L'ULTIMO ITALIANO NOTO CHE PROPAGANDA RAZZISMO SUI SARDI.

Saieva è in buona compagnia citando l’"istinto predatorio (tipico della mentalità barbaricina)" (cit.) e si ispira al pensiero dell’antropologo Giuseppe Sergi che in quindici giorni, dopo aver misurato una cinquantina di crani, concludeva per l’infermità psicofisica dei sardi e del suo esimio collega Niceforo, il quale includeva addirittura intere regioni dell’isola nella “zona delinquente”; oppure il giornalista Augusto Guerriero che negli anni Sessanta del Novecento incitava il governo a buttare il napalm sul Supramonte per ripristinare la legge italica.

Il Fronte Indipendentista Unidu ritiene che tali ricorrenti affermazioni di stampo colonialista e razzista non si possano considerare meri casi isolati, bensì rivelano appieno ciò che le classi dirigenti e gli alti funzionari italiani pensano dei sardi e della nostra cultura: un popolo e una terra da spremere fino all'osso disprezzandola e reprimendola.

 

Sfondo-FB-Istinto-predatorio 

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 47 visitatori e nessun utente online

Utente