×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Repressione: Fronte Indipendentista Unidu solidarietà ad Askapena

Categoria: Comunicati

Z FIU indipendenza

Alla cortese attenzione degli organi di stampa,

 

oggetto: por que somos internacionalistas, Euskal Herria no camina sola!

 

Lo stato spagnolo vuole tappare la bocca al movimiento di liberazione basco e come scusa utilizza ancora l’argomento del “terrorismo” nonostante l’organizzazione armata basca ETA abbia da tempo dichiarato il cessate il fuoco definitivo e unilaterale.

Mentre da un lato infatti l’ETA da anni non compie più azioni militari e la sinistra indipendentista basca ha, nel suo insieme, avanzato proposte concrete per una risoluzione politica e pacifica del conflitto, lo stato spagnolo persevera nell’utilizzo della violenza, delle intimidazioni e della messa fuori legge di intere organizzazioni politiche, sindacali e sociali che svolgono la loro attività alla luce del sole e in maniera integralmente democratica e partecipativa.

Lo stato spagnolo usa invece solo il linguaggio della barbarie poliziesca e delle illegalizzazioni di massa, sperando di piegare la fiera resistenza di un popolo che va avanti da secoli.

Ora, ad essere presa di mira, è l’organizzazione internazionalista Askapena.

Conosciamo bene Askapena, perché più volte questi compagni sono venuti in Sardegna per stringere rapporti politici con il movimento di liberazione sardo e portare la loro solidarietà. Li abbiamo incontrati sempre in sede internazionale al fianco di tutti i popoli che lottano per la pace e il democratico diritto a decidere il proprio destino.

Sabato scorso un centinaio di arrivisti baschi hanno solidarizzato con cinque dirigenti di Askapena arrestati nel 2010 per i quali la Procura generale dello Stato spagnolo chiede sei anni di carcere accusandoli di essere membri dell’organizzazione armata ETA. La Procura non si limita a colpire però i dirigenti internazionalisti, ma mira anche a mettere fuori legge la stessa Askapena.

Il Fronte Indipendentista Unidu dichiara la sua piena e incondizionata solidarietà ad Askapena e a tutti i compagni baschi vittime della repressione poliziesca di stampo franchista dello stato spagnolo.

Il Fronte Indipendentista Unidu sostiene attivamente il processo di pace fortemente voluto dalla sinistra indipendentista basca per una soluzione democratica del conflitto.

Il Fronte Indipendentista Unidu sostiene la richiesta di amnistia per tutti i prigionieri politici baschi che devono essere considerati parte integrante del processo di pace e protagonisti dello stesso.

Il Fronte Indipendentista Unidu si dichiara disponibile a sostenere anche in Sardegna la campagna di solidarietà e informazione che Askapena sta lanciando per denunciare e fermare la feroce repressione spagnola contro il movimento di liberazione basco.

Il Fronte Indipendentista Unidu sottoscrive con grande convinzione il Manifesto di solidarietà internazionalista all’organizzazione Askapena.

Por que somos internacionalistas, Euskal Herria no camina sola!

Fronte Indipendentista Unidu

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 56 visitatori e nessun utente online

Utente