×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Sulla bocciatura del Piano Paesaggistico

Categoria: Comunicati

All’attenzione dei mezzi di informazione:

In una terra in cui la speculazione edilizia sta prendendo il sopravvento, sorridiamo rispetto alle assurde dichiarazioni del governatore uscente Cappellacci, che ha organizzato la farsa del Piano Paesaggistico, e continua, anche dopo la sua prevedibile bocciatura, ad affermare: “La competenza è solo nostra”. Tali dichiarazioni, a nostro avviso, possono scaturire solo da due possibili motivazioni: o Cappellacci prima di parlare non si è ripassato lo Statuto Sardo o le sue dichiarazioni sul piano paesaggistico si inseriscono esclusivamente in materia di urbanistica ed edilizia, non certo di tutela dei nostri beni.

Tuttavia, il problema dei nostri beni comuni, tra cui rientrano quelli paesaggistici, non può certo essere risolto con proclami come come quelli del Governatore uscente, né continuando la politica del centro sinistra, che perpetua in maniera tragica e immutata lo smembramento delle fasi di gestione dei beni suddetti, attribuendo la Tutela allo Stato e la Valorizzazione alla Regione. E’ chiaro che questo tipo di politica crea la divisione di un processo, che per svilupparsi in modo organico e unitario deve programmare insieme le due fasi e non può continuare a sopravvivere con finanziamenti a pioggia che non prevedono una programmazione territoriale integrata.

A tale proposito noi del Fronte Indipendentista Unidu proponiamo un reale Piano strategico per i beni e le attività culturali che prevede:

  • Devoluzione alla R.A.S. della potestà esclusiva su tutti i beni culturali localizzati sul territorio sardo, delle politiche riguardanti la tutela, la conservazione, la valorizzazione e la fruizione di detti beni.
  • Costituzione di un Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali separato da quello attuale “Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport”, che possa dare la giusta attenzione alle ricchezze di una civiltà millenaria.
  • Riconoscimento del principio secondo cui i beni presenti sul territorio sardo sono patrimonio inalienabile del popolo sardo e dell’intera umanità.

Fronte Indipendentista Unidu

 

  (Foto Protusar)

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

Utente