×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Svegliati Sassari! Pesa Sardigna! (23 gennaio 2016, Sassari)

Categoria: Comunicati

Svegliati Sassari! Pesa Sardigna! (23 gennaio 2016, Sassari)

Premesso che il Fronte Indipendentista Unidu sostiene, da sempre, le iniziative per il riconoscimento della piena dignità e dei diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, perché è una necessaria battaglia di civiltà, ritiene tuttavia inaccettabile che tale sacrosanta battaglia sia strumentalizzata da esponenti, deputati e senatori del PD per fare uno sterile siparietto di stampo elettorale.

Per questo, e i motivi seguenti, non abbiamo dato la nostra adesione politica alla manifestazione, pur condividendone i contenuti.

Non possiamo dimenticare che sabato 16 gennaio, ci è stato negato dall' "inflessibile questore" il diritto a manifestare il nostro dissenso alle "missioni di pace" avvallate dal governo italiano, di fronte alla sede del PD, divieto motivato con spiegazioni inaccettabili.

Il diritto a manifestare il dissenso non può essere a corrente alternata. Ancora di più non potevamo che essere solidali col MOS, sapendo che anche a loro è stata negata in principio la possibilità di manifestare a Sassari.

Non possiamo infatti dimenticare che il PD con i vari rappresentanti nel consiglio comunale e regionale presenti ieri in Piazza, contribuisce ogni giorno ad appoggiare qualsiasi scelta di deputati e senatori dello Stato italiano, anche le più scellerate nei confronti della nostra isola e del nostro popolo sardo. Non possiamo dimenticare che questi signori hanno contribuito a cancellare il diritto all'uso della lingua sarda su radio e TV. Non possiamo dimenticare che ha votato perché i livelli di inquinamento delle Basi militari fossero sollevati di 300 volte rispetto agli standard.

Non possiamo dimenticare che il governo italiano a maggioranza del PD ha al suo interno chi sostiene l'omofobia con "le sentinelle in piedi" e chi, a parole, difende i diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. Un colpo al cerchio ed uno alla botte, in un clima di omofobia subdola e di pinkwashing manifesto.

Ecco perché non abbiamo dato la nostra adesione politica alla manifestazione, pur condividendone i contenuti.

Fronte Indipendentista UniduFamilia

 

PRESIDIO CONTRO LA GUERRA E CONTRO L’OCCUPAZONE MILITARE DELLA SARDEGNA

Categoria: Comunicati

NATO-FB-1-nove-015PRESIDIO CONTRO LA GUERRA E CONTRO L’OCCUPAZONE MILITARE DELLA SARDEGNA

In occasione della mobilitazione della piattaforma sociale Eurostop il Fronte Indipendentista Unidu raccoglie l’appello del PCL per un presidio a Sassari davanti alla sede del PD.

25 anni fa infatti incominciava il primo bombardamento sull’Iraq che ha dato il via ad una massiccia ondata di aggressioni unilaterali degli stati imperialisti nordamericani ed europei.

La tendenza alla guerra, al colonialismo e all’imperialismo di tutto il blocco NATO, a prescindere dal colore dei governi degli stati aderenti, ha generato una spirale di violenza e di tragedie umanitarie devastante che ha letteralmente gettato nel caos e nel terrorismo intere aree del mondo e in particolare il Medio Oriente.

La Sardegna è utilizzata dall’Italia e dalla NATO come gigantesco poligono di tiro e come avamposto bellico e questo risulta inaccettabile a tutti i sardi che amano la pace e che credono nella convivenza e nella cooperazione tra i popoli.

Il PD (prima PDS e DS) ha avuto un ruolo strategico nel sostenere in tutte le maniere possibili le operazioni guerrafondaie degli USA e della NATO. Dall’aggressione alla Yugoslavia alla guerra in Afghanistan, dalla seconda aggressione all’Iraq all’attuale politica di destabilizzazione e aggressione messa in campo in Libia, in Siria e in Ucraina il PD è veramente il partito della guerra e dell’imperialismo.

In Sardegna la Giunta Pigliaru ha giocato verbalmente a fare il pacifista ma nei fatti  si tratta della Giunta in assoluto più succube e servile nei confrtonti dell’Esrcito Italiano, della permanenza dell’occupazione militare e disponibile ad utilizzare perfino i porti e gli aeroporti civili della Sardegna come snodi ordinari del traffico di armi che la NATO intrattiene con paesi terroristici come l’Arabia Saudita e la Turchia.

Il Fronte Indipendentista Unidu chiama tutti gli indipendentisti  e tutti i cittadini che hanno a cuore la pace e che sono contrari alla destinazione d’uso militare della nostra terra a partecipare al presidio di sabato 16 gennaio.

 

CHE FINE HA FATTO L’OSSERVATORIO REGIONALE SULLA POVERTÀ?

Categoria: Comunicati
 
12404469 10207206856521514 718087314 n
 

ITE FINE AT FATU S’OSSERVATÒRIU REGIONALE SUBRA SAS POBERESAS?

Cun sa lege regionale n.23 de su 23 de nadale 2005 est cantzellada sa lege regionale n.4/1988 (Riòrdinu de sas funtziones sòtziu-assistentziales) e s'introduit su Sistema Integradu se sos Servìtzios a sa Pessone.

Sa lege promulgada dae sa giunta Soru istabiliat, e galu istabilit, chi sa programmatzione de su sistema integradu passet atraessu duos livellos: unu regionale e unu locale.

A livellu regionale, atraessu su Pianu Regionale de sos Servìtzios a sa Pessone, sa RAS esertzit sas funtziones de incarreramentu, programmatzione e istima de su Sistema Integradu, garantende·nde s'atuatzione in totu su territòriu sardu (art.8, art.18).

A livellu locale, atraessu sos Pianos Locales Unitàrios de sos Servìtzios a sa Pessone (PLUS), sas comunas e sas ASL locales, providint a sa realizatzione de su sistema integradu.

Cun sa matessi lege si diat èssere dèvidu istituire s'Osservatòriu Regionale subra sas Poberesas.

Cust'ùrtimu diat àere àpidu:

"a) recuire sos datos relativos a sas pessones in situatziones de dificultade e a sos bisòngios generales de su territòriu (rilevadura de sos bisòngios);

b) recuire e annoare  informatziones relativas a sos servìtzios, pùblicos e privados, presentes in su territòriu (mapadura de sos servìtzios);

c) fornire suportu informativu a sas lìnias de orientamentu pro sa Regione e pro sos entes locales, in s'aparitzadura de leges ispetzìficas, de su Pianu Sotziale e de sos PLUS in un'òtica de programmatzione partetzipada;

d) curare sa programmatzione, sa formatzione, s'organizatzione, su traballu de retza, sas giunturas cun vàrios servìtzios chi esistint in su territòriu;

e) adelantare abbisaduras pro s'adotzione de atziones de cuntrastu atas a pònnere frenu a su fenòmenu de sa poberesa."

In pagas paràulas diat àere dèvidu rilevare sos bisòngios, mapare sos servìtzios e fornire suportu pro otènnere polìticas coordinadas e eficatze in totu su territòriu.

Sighimus a impreare su cunditzionale ca, nointames sa lege, s'Osservatòriu no at mai isboligadu peruna atividade.

In realidade non bi diat èssere de si transire, difatis s'est dèvidu isetare bator annos pro una deliberatzione chi regularet sa cumpositzione de s'Osservatòriu. Sa delìbera est sa n.57/3 de su 31/12/2009; custa istabilit chi intro de sos cumponentes siat isseberadu su Presidente Regionale de sa Caritas o unu delegadu suo e bator rapresentantes de sas organizatziones sindacales regionales prus rapresentativas e bator espertos cun "esperièntzia cualificada in matèria" numenados dae sa Giunta.

Ma s'afare non acabbat inoghe: difatis, a pustis de sa deliberatzione chi istabilit sos cumponentes, semus galu in una situatzione de nudda de fatu e devent passare àteros bator annos a tales chi si apat una deliberatzione pro ammaniare s'issèberu de sos cumponentes de s'Osservatòriu.

In su 2013, cun sa deliberatzione n.47/10 de su 14/11/2013, a sa fine, si dat su mandadu a sa Diretzione Regionale de sa Presidèntzia de sa Giunta (servìtziu eletorale boluntariadu e pari oportunidades) a tales chi ammàniet s'issèberu de sos cumponentes de so?sservatòriu Regionale subra sas Poberesas e istabilit chi s'osservatòriu siat fraigadu cun su decretu de su Presidente de sa Regione pro mesu de deliberatzione de sa Giunta.

In custa matessi delìbera, sa Vicepresidenta de sa Giunta Regionale Simona De Francisci, apretat su cumintzu de sa protzedura pro s'achirida de sos issèberos de sos cumponentes de s'Osservatòriu, ca sos sindacados a su 14/11/2013, belle bator annos a pustis de sa Delìbera n.57/3, no ant galu presentadu sos issèberos de sos rapresentantes issoro a s'Ufìtziu Cumpetente. In realidade in sa delìbera de su 2009 non si acrarit cale siat s'ufìtziu cumpetente e s'istabilit ""Sono scelti dalla Giunta Regionale [...] a seguito di avviso che sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione e nel sito internet istituzionale; ..."; tzita de sa cale non b'at peruna ormina.

Ma nointames duas legisladuras, oto annos e duas delìberas, sa situatzione non càmbiat.

Si est beru chi sas giuntas Soru e Cappellacci ant isetadu chi acabbarent sas legisladuras issoro pro fàghere unas delìberas chi in realidade non ant produidu perunu efetu, custu non si podet nàrrere de sa giunta Pigliaru.

Difatis cun su Decretu n.43 de su 22 de abrile 2015, a pagu prus chi un'annu dae s'aposentamentu suo, sa cumpetèntzia subra s'Osservatòriu finit dae sa Presidèntzia de sa Giunta Regionale a sa Diretzione de sas Polìticas Sotziales de s'Assessoradu Regionale a s'Igiene e Sanidade e a s'Assistèntzia Sotziale.

Su Presidente Pigliaru, comente a unu "Pòntziu Piladu noellu", at detzisu de si nche sabunare sas manos de manera chi subra una cosa de gasi fundamentale importàntzia che a s'Osservatòriu subra sa Poberesa bi siat galu confusione meda tzirca sa cumpetèntzia.

Pagu importat si su logu de Diretore generale de s'Osservatòriu est galu vacante, pagu importat si su 27 de freàrgiu 2015, dòighi membros de s'Osservatòriu Regionale de su Boluntariadu imbiant una lìtera a su Presidente Pigliaru, a totu sa Giunta e a su Consìgiu Regionale in ue protestant, contra a sas promissas ignoradas dae sa Lege Finantziària 2015, sa cale non solu at minimadu sos fundos destinados a sa gherra a sa poberesa,  "ma at destinadu fundos a sìngulos entes e organizatziones a foras de calesisiat polìtica orgànica e de programmatzione, ristabilende lògicas de privilègiu".

Sunt passados deghe annos, e cussu chi deviat èssere s'organismu atu a fatzilitare sa gherra a sa poberesa est abarradu un'ente bòidu non sulu de forma ma finas de sustàntzia.

A custu puntu, su Fronte Indipendentista Unidu ritenet prus netzessàriu chi su Presidente Pigliaru (su chi intro de sa campagna eletorale naraiat de chèrrere una sotziedade inclusiva, integrare sas polìticas sanitàrias e sotziales e creare polìticas noas pro s'apunteddu e s'inclusione sotziale) acraret pro ite in prus de deghe annos s'Osservatòriu non apat produidu perunu documentu ufitziale, ne apat ispetzificadu metodologias e ainas cun sas cales medire e programmare interventos ammirados a risolta e prevenimentu de su fenòmenu de sa poberesa allagante in Sardigna e pro ite, nointames sas promissas eletorales e nointames siant passados deghe mesos dae su Decretu, sa situatzione non siat cambiada.

Su Fronte Indipendentista Unidu creet, in prus, chi siant netzessàrios crarimentos tzirca s'issèberu de su Presidente Regionale de sa Caritas o de su delegadu comente a cumponente perisse; difatis non cumprendimus s'esigèntzia de una figura de sa CEI a intro de un'ente istatale, nen sos paràmetros in base a sos cales si chìrriant sos bator espertos nominados deretu dae sa Giunta Regionale.

In s'ìnteri, in su trìulas 2015, s'est riunida sa Mesa Regionale de s'Alleàntzia contra a sa Poberesa in Itàlia (Tavolo Regionale dell'Alleanza contro la Povertà in Italia), sa cale at propostu s'istitutzione de su rèdditu de inclusione sotziale.

Creimus mancari s'idea laudàbile siat e un'arresonu aprofundidu meressat, non siat sa mègius solutzione a sos problemas chi trìbulant sa terra nostra, e chi sa solutzione chèrgiat chircada in polìticas de traballu e de inclusione sotziale chi podent e devent èssere fatas passende pròpiu atraesse s'Osservatòriu Regionale subra sas Poberesas.

Perintantu annoamus su cumbidu a su Presidente Pigliaru a dare crarimentos a totu su pòpulu sardu e a pònnere rimèdiu a custa situatzione grae de istallu.

Creimus chi deghe annos siant finas tropu e chi sa Sardigna meressat unas cantas rispostas.

Fronte Indipendentista Unidu

 

CHE FINE HA FATTO L'OSSERVATORIO REGIONALE SULLA POVERTÀ?

 

Con la legge regionale n. 23 del 23 dicembre 2005 è abrogata la legge regionale n.4/1988 (Riordino delle funzioni socio-assistenziali) e viene introdotto il Sistema integrato dei servizi alla persona
La legge promulgata dalla giunta Soru stabiliva, e stabilisce tuttora, che la programmazione del sistema integrato passi attraverso due livelli una regionale e uno locale.
 
A livello regionale, attraverso il Piano regionale dei servizi alla persona, la Ras esercita le funzioni d’indirizzo, programmazione e valutazione del Sistema integrato  garantendone l’attuazione su tutto il territorio sardo (art.8, art. 18). 
 
A livello locale, attraverso i Piani Locali Unitari dei servizi alla persona (PLUS), i comuni e le Asl locali, provvedono alla realizzazione del sistema integrato. Con la stessa legge si sarebbe dovuto istituire l’Osservatorio regionale sulla povertà. Quest’ultimo avrebbe dovuto:
 
"a) raccogliere i dati relativi alle persone in situazioni di difficoltà e ai bisogni generali del territorio (rilevazione dei bisogni); 
b) raccogliere e aggiornare informazioni relative ai servizi, pubblici e privati, presenti sul territorio (mappatura dei servizi);
c) fornire supporto informativo e linee di orientamento per la Regione e per gli enti locali, nella predisposizione di specifiche leggi, del Piano sociale e dei PLUS in un'ottica di programmazione partecipata;
d) curare la programmazione, la formazione, l'organizzazione, il lavoro di rete, i collegamenti con i vari servizi esistenti sul territorio; 
e) avanzare suggerimenti per l'adozione di azioni di contrasto volte ad arginare il fenomeno della povertà."
 
In poche parole, l'Osservatorio avrebbe dovuto rilevare i bisogni, mappare i servizi e fornire supporto in modo tale da avere politiche pubbliche coordinate ed efficaci in tutto il territorio nazionale. Continuiamo ad utilizzare il condizionale perché, nonostante la legge, l'Osservatorio non ha mai svolto alcuna attività.
 
In realtà, non ci sarebbe niente da stupirsi dal momento che sono trascorsi ben quattro anni prima di giungere ad una deliberazione che disciplinasse la composizione dell’Osservatorio. La delibera, la n. 57/3 del 31/12/2009, stabilisce che tra i componenti venga designato il Presidente Regionale della Caritas o suo delegato e quattro rappresentanti delle organizzazioni sindacali regionali maggiormente rappresentative e quattro esperti con “qualificata esperienza nella materia” nominati dalla Giunta. 
 
Ma la storia dell'Osservatorio non si chiude qui; dopo la deliberazione che stabilisce i componenti si è ancora in una situazione di nulla di fatto e sono passati altri quattro anni prima di giungere ad una deliberazione per predisporre la designazione dei componenti dell'Osservatorio. Nel 2013, con la deliberazione n. 47/10 del 14/11/2013, finalmente, si dà mandato alla Direzione Regionale della Presidenza della Giunta (servizio elettorale volontariato e pari opportunità) affinché predisponga la designazione dei componenti dell’Osservatorio Regionale sulle Povertà e stabilisce che l’Osservatorio sia costituito con decreto del Presidente della Regione previa deliberazione della Giunta.
 
In questa stessa delibera, l'ex Vicepresidente della giunta Regionale Simona De Francisci, sollecita il riavvio della procedura per l’acquisizione delle designazioni dei componenti dell’Osservatorio, poiché i sindacati al 14/11/2013, ben quattro anni dopo la Delibera n. 57/3, non hanno ancora presentato le designazioni dei propri rappresentanti all’Ufficio Competente. In realtà, nella delibera del 2009 non si chiarisce quale sia l’ufficio competente e si stabilisce “Sono scelti dalla Giunta Regionale […] a seguito di avviso che sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione e nel sito internet istituzionale”. Avviso del quale non c’è traccia. 
 
Nonostante due legislature, 8 anni e due delibere la situazione non cambia. Se è vero che le giunte Soru e Cappellacci hanno aspettato che finissero le loro legislature per fare delle delibere che in realtà non hanno prodotto alcun effetto, questo non si può dire della giunta Pigliaru. 
Infatti con Decreto n. 43 del 22 aprile 2015, a poco più di un anno dal suo insediamento, la competenza circa l'Osservatorio passa dalla Presidenza della Giunta Regionale alla Direzione delle politiche sociali dell'Assessorato Regionale all'Igiene e Sanità e all'Assistenza Sociale. 
 
Il Presidente Pigliaru, come un “novello Ponzio Pilato”, ha deciso di lavarsi le mani facendo sì che su un elemento di tale importanza come l’Osservatorio sulla povertà, in una situazione socioeconomica nazionale sempre più grave, ci sia ancora molta confusione riguardo alla competenza. Poco importa se il posto di Direttore generale dell’Osservatorio è ancora vacante, poco importa se il 27 febbraio 2015, dodici membri dell’Osservatorio Regionale del Volontariato inviano una lettera al Presidente Pigliaru, a tutta la Giunta e al Consiglio Regionale in cui protestano, contro le promesse disattese dalla Legge Finanziaria 2015, la quale non solo ha diminuito i fondi destinati alla lotta alla povertà, “ma ha destinato fondi a singoli enti e organizzazioni al di fuori di qualsiasi politica organica e di programmazione, ripristinando logiche di privilegio”.
 
Sono passati dieci anni e quello che doveva essere l’organismo atto a facilitare la lotta alla povertà è rimasto un ente vuoto, non solo formalmente ma anche sostanzialmente.
 
A questo punto, il Fronte Indipendentista Unidu ritiene più che necessario che il Presidente Pigliaru, colui che durante la campagna elettorale diceva di volere una società inclusiva, integrare le politiche sanitarie e sociali e creare nuove politiche per il sostegno e la protezione sociale, chiarisca perché in più di dieci anni l’Osservatorio non abbia prodotto nessun documento ufficiale, né abbia specificato metodologie e strumenti con i quali misurare e programmare interventi mirati alla risoluzione e prevenzione del fenomeno di povertà dilagante in Sardigna e perché, nonostante le promesse elettorali e nonostante siano passati dieci mesi dal Decreto, la situazione non è cambiata.
 
Il Fronte Indipendentista Unidu crede, inoltre, siano necessari chiarimenti riguardo la scelta del Presidente Regionale della Caritas o suo delegato come componente a sé stante; infatti non capiamo l’esigenza di una figura della CEI all’interno di un ente statale e i parametri in base ai quali si selezionano i quattro esperti nominati direttamente dalla Giunta Regionale.
 
Intanto, nel Luglio 2015, si è riunito il Tavolo Regionale dell’Alleanza contro la Povertà in Italia, il quale ha proposto l’istituzione del reddito d'inclusione sociale. Crediamo che per quanto l'idea sia lodevole e meriti un ragionamento approfondito, non sia la soluzione ottimale ai problemi che affliggono la nostra terra, e che la soluzione vada ricercata in politiche del lavoro e d'inclusione sociale che possono e devono essere fatte passando proprio attraverso l’Osservatorio regionale sulla Povertà.
 
Pertanto rinnoviamo l’invito al Presidente Pigliaru a dare chiarimenti a tutto il popolo sardo e a porre rimedio a questa  grave situazione di stallo. Crediamo che dieci anni siano fin troppi e che la Sardigna meriti delle risposte.
 
 
Fronte Indipendentista Unidu
 
 

TEMPIO. SACRO CUORE, RINAGGHJU E PROGETTI MANCATI: UN’AGENDA NASCOSTA?

Categoria: Comunicati

 

12387805 10207172384859744 1512840352 n

 

Nel documento pubblicato lo scorso aprile – "Il Fronte Indipendentista Unidu in merito all'ex Palazzina Comando e prospettive di sviluppo della città" – il FIU relazionava alla cittadinanza riguardo le vicende dell'Ex Palazzina Comando ed esprimeva una posizione politica circa il discusso Protocollo d'Intesa Comune Tempio Pausania-Ministero degli Interni, ritenuto deleterio per la città viste le condizioni della permuta tra l'ex Palazzina Comando e l'ex carcere La Rutunda. In occasione della pubblicazione del documento, il FIU precisò che alle vicende di Rinagghju e al progetto Sacro Cuore sarebbe spettata una trattazione separata. Negli ultimi mesi abbiamo seguito l'evoluzione del Progetto sino al recente ritiro da parte del Sacro Cuore, con il compendio di Rinagghju che ritorna così all'anno zero. La ricostruzione che segue vuole analizzare i vari passaggi negli ultimi anni, l'improvviso ritiro della Parrocchia ed evidenziare come l'affido alla Diocesi, alla persona del vescovo Sanguinetti, sia stata la ragione principale per la quale la stessa ha potuto beneficiare del finanziamento pubblico per il completamento della chiesa del Sacro Cuore in zona Pischinaccia-Rinaggiu.

Sacro Cuore, Rinagghju e progetti mancati: un'agenda nascosta?
Fa ancora discutere il dietro-front della parrocchia del Sacro Cuore sul Progetto per Rinaggiu del quale tanto si è parlato negli ultimi anni, anche e soprattutto prima della presentazione ufficiale dello scorso marzo con l'ex Sindaco Frediani, l'ex Assessore alla Cultura Roberto Cossu e, per la Parrocchia Sacro Cuore, Efisio Coni (parroco) e Sebastiano Sanguinetti (vescovo Diocesi Tempio-Ampurias). Momento importante anche alla luce dello spirito da "ultima spiaggia" (speriamo nel miracolo [...] ci auguriamo che la Chiesa riesca dove negli ultimi vent'anni hanno fallito imprenditori e amministratori [...] il recupero del compendio grazie al binomio forze armate e chiesa) con il quale l'amministrazione concedeva "pubblicamente" il compendio di Rinagghju per un triennio. Dunque, teoricamente, il Sacro Cuore avrebbe dovuto gestire e prevedere attività "etico-sociali" fino alla primavera del 2018. In realtà, l'affido ha radici antecedenti, quali le richieste di circa due anni prima da parte della Parrocchia e, in particolare, la delibera n. 147 risalente all'agosto 2013.
more
Per Rinagghju gli ultimi anni sono stati caratterizzati da mancato sviluppo, dai progetti mai decollati e conseguenti contenziosi, da incuria e danneggiamenti occorsi a tutto il compendio. Un progressivo degrado inframezzato da pochi eventi, legati ad attività parrocchiali e non, le quali spesso non necessitano della completa sistemazione del compendio e il pieno e continuo utilizzo dei 14 ettari e delle varie strutture presenti. Data la criticità della situazione, l'idea era quella di procedere "per passi", con la sistemazione delle singole strutture, oltre la pulizia generale, affinché le stesse potessero utilizzarsi recuperando così gradualmente l'intero complesso o, comunque, gettando una base minima per un più fruttuoso recupero futuro.
In seguito alla revoca del contratto di concessione e la presa in carico forzosa del compendio da parte del Comune, a causa delle inadempienze di Alba Immobiliare, è nato un contenzioso conclusosi di fronte al Consiglio di Stato con la vittoria dell'amministrazione sull'ATI. Era il maggio del 2012 e gli oltre 70.000 euro incassati dalla fideiussione vennero indirizzati sul compendio medesimo che necessitava di interventi immediati.
Successivamente, nel corso del 2013, precisamente l'8 aprile, Don Efisio Coni, in qualità di Parroco della Parrocchia del S. Cuore, ha richiesto l'utilizzo di alcune aree del compendio per attività pastorali e sociali. Nello specifico, lo svolgimento della Festa del Sacro Cuore (alcune giornate nella prima decina di giugno) e, dal 1° giugno al 1° ottobre, le attività estive denominate GREST (Gruppo Ragazzi Estivo o Oratorio Estivo) interessando le aree "ex poligono di tiro" e "piastra dell'idropinico", oltre ai campetti sportivi presenti nel compendio.
In seguito però, il 23 luglio, il Sacro Cuore presenta all'attenzione dell'amministrazione un documento intitolato "Progetto per Rinaggiu" dove la progettualità viene ampliata manifestando l'intenzione di ricevere una porzione molto più estesa del compendio fino a gestirlo quasi totalmente. Il Sacro Cuore avrebbe operato, inizialmente, sulla base di una concessione annuale, fino ad ottobre 2014. Tra gli elementi principali della richiesta del Sacro Cuore figurano la costituzione all'uopo di un'associazione denominata Oratorio Parrocchiale S. Cuore e rileva l'esplicita ed impegnativa richiesta da parte del Sacro Cuore di – testuale – "un'unica cabina di regia, in modo tale che il Comune possa rapportarsi unicamente con la Parrocchia e viceversa, evitando così il frazionamento delle assegnazioni e quindi l'esistenza nel perimetro di più enti. E coordinamento ed armonia per evitare dispersione".
La concessione parziale e di breve periodo del compendio a titolo gratuito si realizza con deliberazione di Giunta n. 83, del 23 maggio 2013. In particolare, la gratuità della concessione venne motivata, oltre per le finalità sociali delle attività in esame e la mancanza di lucro delle stesse, anche per le condizioni di profondo degrado e sottoutilizzo del compendio; per queste ragioni, la concessione, seppur gratuita, sgravava direttamente l'amministrazione di un costo per i quattro mesi di GREST, con un beneficio individuato nel risparmio di spesa ottenuto grazie "all'impegno del richiedente alla ripulitura delle aree interessate" il quale "può compensarsi con il mancato introito di un canone di locazione, che per un periodo di quattro mesi e per i locali in questione non potrebbe essere superiore a € 6.200".
Il 9 agosto 2013, sono state accolte le richieste della Parrocchia e venne concesso "in comodato d'uso gratuito il Compendio Rinaggiu Pischinaccia nelle parti richieste nell'allegato progetto alla Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, a decorrere dalla firma della convenzione con scadenza il 31/10/2014, in quanto trattasi della realizzazione di un progetto sperimentale". Nella delibera in esame, la n. 147, figurano, oltre ad una descrizione storica delle vicende e delle condizioni del compendio, le motivazioni dell'assegnazione e la difficoltà di realizzare in tempi brevi un recupero complessivo ed una piena valorizzazione dell'area. Date le criticità e le condizioni del sito, secondo l'amministrazione "è importante tuttavia gettare le basi per una gestione ottimale dell'intero Compendio, individuando servizi idonei nell'ambito delle priorità indicate dall'Amministrazione"; proprio in quest'ottica i propositi e le richieste della Parrocchia vengono accolte dall'amministrazione in quanto "bene si inseriscono attraverso l'attivazione di servizi etico-sociali aperti innanzitutto alla libera fruizione della cittadinanza di Tempio Pausania e di conseguenza, in crescendo, a tutti i vari segmenti di quel turismo integrato che verrà attratto da una rete di servizi e di prestazioni attivate nei tre settori del volontariato, semi-volontariato e commerciale (intendendo per attività commerciali quelle strettamente strumentali alle attività sociali e ricreative come ad es. bar e piscina)".
Come detto, la scadenza della "concessione sperimentale" viene in prima battuta fissata al 31/10/2014 in quanto trattasi, appunto, di un progetto sperimentale che in questa fase procede comprensibilmente a rilento. Contemporaneamente, però, viene stabilito che "nel caso in cui le fasi preparatorie per la realizzazione delle attività descritte in progetto, dovessero protrarsi, a causa della situazione di degrado nella quale versano diverse parti del compendio, l'Amministrazione si impegna a prorogare il comodato per un periodo ulteriore che non superi i due anni (ottobre 2016)".
L'anno seguente, il 20 maggio 2014, la Parrocchia del Sacro Cuore invia un'integrazione/sinossi in merito alla richiesta effettuata nel 2013 e il successivo – testuale – "iter delle trattative" giudicato ormai concluso. Vengono riepilogati gli spazi richiesti: la Piastra A (con delimitazione del piano interrato, riducendo a due i bagni necessari), l'ex tirasegno, la casa del custode, i campetti e la pista di pattinaggio, l'area bar e piscina, il parco giochi, l'anfiteatro (in uso non esclusivo). Viene ribadita l'intenzione – appena ottenuta l'agibilità e la consegna dei locali, previa stima e riparto di spese tra Comune e Sacro Cuore – di avviare tutti i progetti relativi all'estate 2014 (ovvero i medesimi dell'estate 2013) quali GREST (in seguito alla conclusione delle scuole, 11 giugno) e la festa patronale (27-29 giugno). La stima delle spese necessarie richiamate dall'integrazione avverrà poi celermente da parte dell'amministrazione che, già in data 22 maggio, stila un elenco di interventi per complessivi 58.200 euro (lasciando però ancora in sospeso la valutazione, gli interventi e la ripartizione degli stessi riguardo la piscina, uno dei manufatti più problematici del compendio) cifra ripartita in parti pressoché uguali tra Comune concedente e Parrocchia futuro gestore.
Sempre nel 2014, precisamente con nota n. 1504 del 20/01/2014, il Comune di Tempio Pausania comunicò di aver preso atto della richiesta della Diocesi di Tempio-Ampurias (del 16/01/2014) riguardo il cofinanziamento pubblico per il completamento dell'intervento ricompreso nell'Accordo di Programma del 08/05/1999, nello specifico la chiesa del Sacro Cuore i cui lavori risultano fermi dai primi anni 2000. L'incompiuta, situata all'interno dell'ex compendio militare denominato "Pischinaccia", ha visto un primo e fino a quel momento unico intervento per complessivi € 728.961,16. Secondo quanto riportato nel documento del Centro di Programmazione regionale, riguardo la richiesta di finanziamento del vescovato e la conseguente Rimodulazione del PIA (Piano Integrato d'Area) SS 18 che accoglie concretamente la richiesta:
"[...] nel complesso della Pischinaccia sono state realizzate da parte del Comune alcune opere di riqualificazione (non precisate, ndr) in termini di sviluppo turistico integrato ambientale, ricreativo, religioso, congressuale, sportivo, termale e della sicurezza".
Il passaggio cruciale nel via libera al finanziamento per la chiesa è l'espresso richiamo proprio all'affido a beneficio del vescovo Sanguinetti: "Il Comune ha quindi affidato al Vescovo di Tempio-Ampurias la gestione di parte del compendio per destinarlo a servizi etico-sociali".
Proprio per tale ragione, sulla base dell'avvenuto affido al vescovo:
"[...] si impone un intervento di riqualificazione ed adeguamento delle opere già esistenti e la necessità di vedere completato il complesso parrocchiale della Chiesa del Sacro Cuore per il quale si chiede un finanziamento regionale pari a € 900.000,00".
In tal modo, dunque, la "concessione sperimentale" fino ad ottobre 2014, che da subito ebbe possibilità di proroga fino ad ottobre 2016, è la ragione principale in forza della quale la Giunta Regionale – sentito il parere di Francesco Pirari il 04/02/2014 (Commissario Straordinario ex-Provincia Olbia-Tempio)- approva il finanziamento richiesto dalla Diocesi per il completamento della chiesa in zona Pischinaccia.
Ai primi di marzo del 2015, come detto, l'annuncio della concessione triennale del compendio di Rinagghju (dunque non più un'ottica sperimentale) e la presentazione pubblica del Progetto Sacro Cuore. Nel settembre 2015 riprendono, dopo oltre un decennio, i lavori tutt'ora in corso per il completamento della chiesa in esame. Ad inizio dicembre 2015 gli sviluppi più recenti: il Sacro Cuore ritira il Progetto per Rinaggiu. A distanza di 9 mesi dalla conferenza di presentazione, oltre due anni dalla "concessione sperimentale" di circa 15 mesi e con ancora più di due anni di comodato d'uso gratuito, la Diocesi rimette il compendio nelle mani del Comune, abbandonando così il Progetto per Rinaggiu.

 

S'indebilitada de s'isportellu linguìsticu regionale de Tàtari

Categoria: Comunicati

500x300 limba sarda

 

 

Su benidore de s'isportellu linguìsticu regionale de Tàtari.

Su Fronte Indipendentista Unidu denùntziat s'indebilitada de su servìtziu de s'isportellu linguìsticu regionale de Tàtari: ant reduidu sas resursas dae s'Assessoradu a sa Cultura.

 

Custa noa cumparet in s'alliongiadu tècnicu de s'Assessoradu de sa Programmatzione, Bilantzu e Assentu de su Territòriu.
In s'alliongiadu tècnicu a su bilantzu pluriennale pro sos annos 2014-2016, in sa boghe "Strategia - Patrimonio Culturale - Dare forza a una identità viva - Interventi a favore della Cultura", sa previsione de sos fundos pro sos isportellos linguìsticos regionales fiat de 250.000 € pro cada annu de su triènniu interessadu.

Ma cunforma a su bilantzu pluriennale pro sos annos 2015-2017, sa previsione pro sos isportellos linguìsticos est minimada a 150.000€ pro sos annos 2016 e 2017.

Custu trincu de sos fundos cajonat netzessariamente unu trincu in su personale chi bi traballat.Difatis in su 2015, chimbe operadores linguìsticos ant pòdidu traballare cun sa summa totale de 250.000 €: duos in Casteddu, duos in Tàtari e unu in s'Alighera.


In su 2016, bidu su trincu de sos fundos, s'isportellu de Tàtari at a èssere indebilitadu. Galu tocat de detzìdere si unu de sos operadores at a pèrdere su traballu, o si ant a traballare ambos duos ma pro prus pagas oras a sa chida.
Probabilmente b'est sa voluntade polìtica e amministrativa de eliminare o indebilitare s'ufìtziu de Tàtari e no ischimus su proite.

Cun cust'operatzione "casteddutzèntrica", sa cultura e su prestìgiu de sa limba ant a pèrdere meda in su territòriu de Tàtari, totus chi dae s'assessoradu ant a segare sas oras in totu sos isportellos regionale.

Su presìdiu de Tàtari fiat garantidu in custos annos colados, e dae su 2016 o at a iscumpàrrere o at a tènnere semper prus pagu poderiu de atzione. Est una làstima, ca in su territòriu de Tàtari s'ufìtziu est unu puntu de riferimentu pro bator minorias linguìsticas e arriscat de pèrdere duas figuras professionales mannamente cualificadas.

 

Nois de su Fronte pensamus non solu chi s'ufìtziu de Tàtari depat abarrare cun ambos duos sos operadores in atividade (e possibilmente afortigadu), ma fintzas chi chimbe operadores pro totu sa Sardigna intrea siant pagos meda.


Isetamus como de ischire cale est su benidore de s'isportellu linguìsticu de Tàtari, e amus a fàghere su chi est in poderiu nostru pro non lu lassare serrare nen tot'a un'ora e nen pagu a pagu.

 

Su Fronte Indipendentista Unidu

 

Il link dell'allegato tecnico alla finanziaria RAS. La pagina interessata è la 345.

https://www.regione.sardegna.it/documenti/1_274_20150107181004.pdf

 

Pagina 3 di 28

Accesso redazione

Utenti online

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

Utente